Home Rubriche Tradizioni

Le tradizioni del matrimonio in Lombardia

Le tradizioni del matrimonio in Lombardia

Notizie e curiosità sulle tradizioni popolari che da secoli accompagnano la celebrazione del matrimonio in Lombardia.

In Italia non ti sarà difficile trovare un vastissimo numero di usi e costumi tradizionali che vanno da Nord a Sud caratterizzando ogni singola regione e diversificandosi all' interno delle regioni stesse, a volte anche solo per piccoli particolari, addirittura spostandosi solo di pochi chilometri.
Devi sapere che una delle tradizioni che più rispecchia questa peculiarità tipicamente italiana è senza dubbio quella che riguarda il matrimonio in tutte le sue sfaccettature, dalle credenze popolari alla celebrazione civile e religiosa, dall' abito della sposa al banchetto nuziale, dalle abitudini delle famiglie al classico lancio del bouquet.

Tra le regioni italiane in Lombardia potrai trovare una terra ricca di tradizioni particolari che si sono tramandate negli anni e che affondano le radici nelle credenze e negli usi popolari e che in alcuni casi ti capiterà di riscontrare perfino ai giorni nostri. Nella stessa regione vedrai usanze diverse riguardanti il matrimonio addirittura in base alle zone, come per esempio nel territorio dell’Olona, dove era tradizione intorno al 1800 di imbandire due banchetti: il primo a casa della sposa e il secondo a casa del futuro marito dove la donna era condotta per iniziare insieme la loro vita coniugale.

Scoprirai che, secondo altre tradizionidel matrimonio in Lombardia, lo sposo con parenti ed amici andavano a fare colazione a casa della sposa e poi si recavano tutti insieme in Chiesa per celebrare il rito religioso finito il quale venivano gettati all’ aria dei coriandoli sul sagrato. Successivamente parenti ed amici accompagnavano la sposa a casa del marito dove veniva consumato il banchetto in totale allegria e spensieratezza, non molto diversamente da come accade ancora oggi.

Potrai assistere ad altre stravaganti tradizioni popolari come quella per cui in quasi tutta la regione lombarda, i ceti più umili erano soliti accompagnare i festeggiamenti con colpi di pistola, come per emulare i colpi di cannone che scandivano i momenti salienti delle nozze dei ceti più abbienti oppure che un'altra tradizione molto simpatica radicata in questo territorio era quella che prevedeva che la sposa la sera delle nozze si nascondesse e che se il marito riusciva a trovarla subito era segno di buon auspicio per la vita coniugale.

Ti racconteranno, ancora, che per mettere fine ad una matrimonio, nel territorio di Como poteva essere sufficiente che la sposa non preparasse nel giorno di Santo Stefano una particolare torta di castagne o che lo sposo non si recasse a casa dei suoceri per consumare quel determinato dolce.
Sarai d'accordo sul fatto che è molto più semplice e sbrigativo che rivolgersi a degli avvocati!

Ad oggi queste antiche usanze si sono perse, ma potrai ancora vivere alcune particolarità che caratterizzano le tradizioni lombarde per il matrimonio come, per esempio, la persistenza del rito Ambrosiano risalente ai tempi del Vescovo Ambrogio, e quindi nel IV secolo, radicato soprattutto nell’ arcidiocesi di Milano, ma anche in alcune chiese del bergamasco, del varesotto e del comasco e sopravvissuto all’ adozione del rito romano.

Le caratteristiche di questo rito le noterai soprattutto nella celebrazione della messa e nel calendario, ma è nella cerimonia del matrimonio che potrai assistere a delle peculiarità molto singolari: innanzitutto non c’è il padre ad accompagnare la sposa all’ altare, ma lo sposo attende la futura moglie all’ingresso della chiesa e proprio qui, sul sagrato, le porge il bouquet per poi percorrere tutta la navata insieme. Sicuramente vivrai il momento più emozionante e suggestivo con il rito della velazione durante il quale i genitori degli sposi o i testimoni tendono un velo sopra la loro testa come allegoria dello Spirito Santo che li copre donando loro protezione per la vita futura.

Nondimeno avrai modo di ossevare come le tradizioni riguardanti il matrimonio in Lombardia continuano ancora durante il banchetto nuziale dove è lo sposo ad occupare un ruolo di prim’ordine tagliando la sua cravatta in diversi pezzetti che poi i testimoni cercheranno di vendere ai commensali invitati in modo da fare una sorta di colletta che aiuterà il marito a portare in viaggio di nozze la sua mogliettina!
Potrebbe inoltre capitarti di partecipare ad un rinfresco nelle ore precedenti alla cerimonia che si tiene a casa degli sposi in modo da riunire tutti gli invitati che poi dovranno accompagnare i futuri coniugi in chiesa.

Devi sapere invece che per la sposa resistono le classiche regole comuni presenti un po’ in tutte le regioni italiani: non deve mai guardarsi totalmente allo specchio una volta vestita, deve indossare qualcosa di blu, qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo, qualcosa di prestato e qualcosa di regalato ed ovviamente non deve incontrarsi con il futuro marito nelle ore che precedono le nozze, né il marito deve vedere la moglie in abito da sposa prima della cerimonia.

Ti aspetta un matrimonio sicuramente particolare e carico di suggestioni come quello lombardo che risente tutt’ oggi di antiche tradizioni che contribuiranno a rendere le tue nozze un giorno indimenticabile per voi, ma anche per tutti i parenti e gli amici che vi parteciperanno. 
LeValentine

Scrivi un Commento